martedì 14 aprile 2020

Recensione del libro ''La strega della fonte di Sabrina Guaragno ''



Titolo: La strega della fonte 
Autore : Sabrina Guaragno
Costo ebook: 2,99
Costo cartaceo: 14.00
Lunghezza delle pagine: 334
Data di pubblicazione:  16 Novembre 2018
Casa editrice: Nativi digitali 

Trama :

La magia è una compagna incostante, ci promette tanto e a volte ci soddisfa pienamente.
 Altre volte, invece, ci lascia a piedi nudi sulla terra fangosa: a quel punto, bisogna risalire alle origini della magia, 
all'arte e agli elementi."

Alaisa, una ragazza umile ma determinata, è pronta per partire per il viaggio più importante della sua vita, 
con l'obiettivo di raggiungere la dimora della famosa Strega della Fonte e diventare sua apprendista: 
il suo sogno fin da bambina!
Quello che Alaisa non sa, è che la magia conferisce grandi poteri, e per padroneggiarla 
al meglio è prima necessario fare i conti con le proprie aspirazioni e le proprie paure.
Il mondo segreto delle Streghe offre molte opportunità, ma anche molti rischi e ombre... tra tutti i nuovi intriganti 
personaggi che conoscerà, riuscirà a capire di chi potrà fidarsi, e da chi dovrà difendere tutto ciò che le è più caro?
Con "La strega della fonte" Sabrina Guaragno ci porta in un nuovo universo Fantasy intricato e affascinante, 
in cui le atmosfere romantiche si mischiano ad altre cupe e inquietanti, e dove il potere della magia permette a maghi
 e streghe di realizzare i loro s
ogni, ma anche il manifestarsi di veri e propri incubi...

Biografia autrice :

Sabrina Guaragno nasce a Bari il 27 giugno del 1993, ma trascorre la sua infanzia e la sua adolescenza a Modugno. 
La sua vita cambia con il nascere dell’amore verso i romanzi di Harry Potter, che l'hanno iniziata a un vasto mondo di lettura e immaginazione.
 La sua passione per la scrittura inizia quando ha solo 14 anni, sulle orme di scrittrici quali J.K. Rowling e Licia Troisi.
 Il suo genere preferito è il fantasy e tutte le sue sfumature, ma ama leggere un po’ di tutto.
Sabrina nutre anche una passione viscerale per la mente umana: dopo il diploma come operatore turistico,
 ha conseguito la laurea triennale in Scienze e Tecniche Psicologiche e quella magistrale in 
Psicologia Clinica presso l’Università Aldo Moro di Bari. Attualmente, sta svolgendo il tirocinio post-laurea presso
 il Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia, Comunicazione dell’Università Aldo Moro di Bari.
Da qualche anno gestisce il blog letterario Non servono le ali per volare, e fa parte della redazione di Leggendo a Bari, 
blog legato all’omonimo gruppo di lettura barese. Inoltre, fa parte dello staff di Psychondesk, blog di psicologia, 
come membro del Comitato Scientifico, autrice e correttrice di bozze.
Il suo sogno è quello di scrivere per vivere, anche se nella società attuale è sempre più difficile realizzarsi in questo campo. 
Ma insegue un desiderio, persevera nel suo obiettivo, e ogni rifiuto ricevuto e che riceverà,
 sarà solo l'ennesima spinta per non arrendersi.


Recensione :

La strega della fonte è un romanzo a dir poco esilarante. 
La protagonista della storia è Alaisa, una giovane ragazza che sogna di diventare una strega,
 per poter curare gli altri e fare del bene.
Alla sua missione si uniscono quattro altri giovani ragazzi. Molti di loro hanno una dote particolare, 
lei per esempio ha il dono di correre molto velocemente, Ethaas riesce a muovere gli oggetti, Edeny riesce a curare le ferite, 
Sayris riesce a uccidere col pensiero e infine Lilly riesce a portare gioia facendo crescere fiori. 
Dovrà affrontare tre anni di studio/addestramento, se riuscirà ad arrivare fin sù sulla cima della montagna, ovvero nella strega della fonte. 
Durante il viaggio, visto che dovranno stare insieme, cercheranno di conoscersi e si divideranno ciò che hanno portato. 
Ognuno di loro ogni giorno divide qualcosa, finché un giorno l'amonia del gruppo si spezza.
Sayris offre la sua bevanda di fragole, ma in realtà al suo interno c'è una droga che li mette fuori combattimento giusto
 il tempo per ucciderli e prendersi la vittoria, ma Alaisa quella sera, per sua fortuna, non la bevve, perché non le piacciono le fragole, così quando scopre cosa stava per fare, cercherà di farla smettere, lotteranno fin quando non cade in un fossato, che in realtà cela le sabbie mobili.
 Alaisa non riesce a essere cattiva e la salva, a una condizione, quella che tutti decideranno appena si sveglieranno, quella di farle mollare la gara.
E così fa, molla la gara e rimangono solo in quattro.
Sembra fatto apposta, come se qualcuno si stia mettendo tra di loro, perché, man mano che vanno avanti con il percorso, 
una casa prende fuoco e si sente urlare, qualcuno è all'interno, così nel salvare chi c'è dentro, si fa male Lilly alla gamba ed è costretta ad abbandonare la missione. 
Rimanendo così in tre.
Nel tragitto Alaisa si innamora di Eden, l'unico ragazzo in missione, lui ricambia il suo amore e ammetto che questa parte 
è stata molto romantica. Infine abbandonerà la gara, perché vede in lei un gran potere e l'aspetterà al suo ritorno.
Nel finale c'è stato un gran colpo di scena che non mi aspettavo, ma che non vi svelo perché dovete assolutamente leggerlo.
La scrittura è magica, unica nel suo genere, un po' pesante infatti ci ho messo circa una settimana a leggerlo e finirlo, 
man mano mi appuntavo tutto per descrivervi nel dettaglio questo libro. 
Il libro è diviso in tre parti.
La narrazione è penetrante e dettagliata.
Voto: 4/5⭐️


A presto Sofia 


2 commenti:

  1. Sembra davvero bello, anche se non molto il mio genere. Me lo segno

    RispondiElimina
  2. Non è il mio genere ma sembra molto interessante, ricco di colpi di scena e ammetto che potrebbe piacermi

    RispondiElimina