domenica 11 aprile 2021

Segnalazione '' Centro smistamento ritardi '' Mâg


Buon giorno lettori, oggi sono qui a mostrarvi la cover del nuovo libro di Mag 



Titolo: Centro smistamento ritardi

Serie: Racconto breve

Genere: Fantasy romance

Autore: Mâg

Editore: Self-publishing

Numero pagine: 86

Prezzo kindle: 0,89€

Prezzo cartaceo: 4,99€


Trama:

Nessuno sfugge al Centro smistamento ritardi. 

Quando un imprevisto scombina i tuoi piani, un dipendente del CSR ha svolto il suo compito e guadagnato punti per ottenere una promozione. Eppure, non tutti gli operatori trovano divertente il proprio lavoro. 

Al box 500 c’è qualcuno che continua a osservare il cielo sbiadito oltre le vetrate, sapendo di essere al posto sbagliato. Ci vorrà una grande dose di coraggio per spezzare la routine e inseguire i propri desideri. Sarà allora che un incontro cambierà ogni cosa.

Centro smistamento ritardi è un racconto breve frizzante, un fantasy contemporaneo dai toni romantici che affronta temi quotidiani e drammatici.


Estratto


Continuava a sentirsi inquieta.

Allungò il collo verso l’alto e sbirciò il labirinto di plexiglass bianco che definiva ogni postazione di lavoro. Niente. Nessuno sentiva mai il suo stesso disagio. 

«Ahm…» mormorò, pur non sapendo cosa dire. La sua voce si propagò come l’eco in una stanza vuota, ma lì dentro c’erano più di cinquecento persone.

«Sentiamo, qual è la lamentela di oggi?»

Si volse di scatto, fissando lo sguardo sul pancione a pochi passi da lei. «È che… pensavo…» L’uomo alzò gli occhi al cielo e lei subito incalzò: «Se invece dei ritardi regalassimo alla gente, che so… un semaforo verde per una volta, non sarebbe più gratificante per tutti? Voglio dire, ogni giorno vedo sullo schermo persone bisognose di un piccolo aiuto e quella barra che lampeggia aspettando che ne decida le sorti mi mette ansia. Pensavo che…»

«Pensare, sempre pensare!» sbottò l’uomo, interrompendola. «Ma perché non puoi essere come gli altri? Lo vedi?» domandò indicando un punto indefinito alla propria destra. La donna drizzò ancora il collo, perdendo lo sguardo nel reticolo infinito di plexiglass. «Qui nessuno pensa. Si siedono al loro posto, digitano ciò che devono digitare e tutto è perfetto». Tornò a fissarlo. «Non siamo nel “Centro smistamento fortuna”, che ha il personale ben più ridotto, né nel “Centro smistamento miracoli”, dove i dipendenti sono perennemente in pausa. Siamo nel “Centro smistamento ritardi”. Ripeti con me» la incitò.

«Centro smistamento ritardi» scandirono assieme le parole.

«Bene, brava. Ora, fa’ ciò per cui sei qui» brontolò, grattandosi la pancia.



Vi ispira? Fatemi sapere qui sotto!
A presto Sofia :)

 

sabato 10 aprile 2021

Recensione Kiss goblin


Se volete provare a guardare Kdrama ma non sapete da dove iniziare o se vi piacciono allora vi consiglio di guardare '' Kiss Goblin '' è formato da 12 episodi di circa 10 minuti a puntata.



Recensione:


Protagonista di questa storia è un Goblin, che vuole diventare un umano. Per esserlo dovrà compiere una missione ovvero baciare 12 ragazze , ma ben presto noterà che questo compito sarà complicato visto che ogni volta che bacia un umano sviluppa un emozione; rabbia, vuoto, dolore, gioia ecc.

La nostra protagonista, Oh Yeon Ah , noterà che questo ragazzo è un donnaiolo, e che l'ha visto baciare una sconosciuta e poi la sua amica.

Lui però non si aspetta una reazione simile ma soprattutto si sente attratto da lei. 

Ogni volta si incontrano così quando lui in un momento di difficoltà aiuterà la nostra protagonista lei si ammorbiderà e deciderà di aiutarlo a compiere la missione.

Più passano i giorni e più qualcosa tra i due nascerà infatti la missione diventerà difficile visto che i due ragazzi si sono innamorati e l'ultima missione consiste di baciare la persona che si ama. 

Che cosa succederà? Lui abbandonerà il mondo degli umani per ricordarsi dei momenti felici oppure sfideranno il destino affinché lui diventa umano?

Come vi dicevo prima sono 12 puntate brevi ma ricche di emozioni, nonostante tutto mi è piaciuta molto! 

Assolutamente consigliato!

A presto Sofia:) 
 

mercoledì 7 aprile 2021

Recensione del libro '' Truthwitch ' di Susan Dennard

Titolo: Truthwitch
Autore: Susan Dennard 
Costo ebook: 12,99
Costo carteceo: 22,00
Lunghezza delle pagine: 432
Data di pubblicazione: 16 Marzo 2021 


Trama: 


Trama: Nelle lande stregate ci sono infiniti tipi di magia: tanti quanti i modi per mettersi nei guai, come ben sanno due giovani donne molto speciali. Safiya è una Strega della Verità, ha il dono di riconoscere le menzogne. C'è chi ucciderebbe per avere quel potere, e così lei lo tiene ben nascosto, se non vuole essere usata come una pedina nello scontro tra gli imperi. Iseult invece è una Strega dei Fili: sa vedere i legami invisibili che uniscono le persone attorno a lei, ma non riesce a percepire i sentimenti che la riguardano direttamente. Le due ragazze hanno personalità complementari – impulsiva e focosa Safi, fredda e prudente Iseult – e soprattutto sono inseparabili. Tutto ciò che vogliono è essere libere di vivere le loro vite come un'avventura continua, ma le ombre della guerra si addensano sulle Lande Stregate. Con l'aiuto dell'astuto principe Merik, Safi e Iseult si troveranno a combattere contro imperatori, mercenari e uno Stregone del Sangue votato alla vendetta, decisi a tutto pur di dominare il potere di una Strega della Verità. 

Recensione:


 Ho cominciato a leggere questo libro con un pò di timore, avevo paura potesse essere troppo lungo e pesante, visto che si tratta di un epic fantasy. 

Ma non avrei potuto sbagliarmi di più!

 La scrittura è molto scorrevole e fluida e anche le descrizioni non sono prolisse come mi aspettavo.

 Il mondo nel quale ci troviamo è però molto vasto e variegato, ciascun regno coi suoi usi e costumi, che ci vengono descritti di volta in volta. È un mondo non proprio originale, ma che mi è piaciuto molto e dove mi sono trovata a mio agio. Anche i personaggi sono molti, però il fatto che siano ben descritti, permette di ricordarli bene e di non avere buchi di memoria, cosa che mi capitava invece ogni tanto con la saga de "Il trono di spade".

L'unico aspetto che viene mal spiegato e poco approfondito e che spero di trovare nei prossimi libri, è il rapporto tra Fratelli o Compagni di filo. È un aspetto del libro molto originale, ma che non ho potuto comprendere appieno, in quanto viene dato per scontato che i personaggi sappiano che cosa sia.

 Peccato che noi lettori avremmo bisogno di un aiutino in più per capire...

Le due protagoniste non potrebbero essere più diverse tra loro, dal carattere  all'aspetto fisico al tipo di potere di cui sono dotate. 

Devo ammettere che Safi mi è piaciuta meno rispetto a Iseult, è decisamente simpatica e mi fa ridere parecchio, ma trovo che sia troppo impetuosa e che non pensi mai prima di agire, cosa che la porta non solo a mettersi in parecchi guai, ma a metterci pure l'amica. 

Ho invece apprezzato moltissimo il principe Merik, lo trovo decisamente coraggioso e mi piace la sua devozione nei confronti del suo popolo.

Trovo poi molto intrigante la figura dello Stregone del Sangue, sia per il suo carattere che per il tipo di potere di cui è dotato, non vedo l'ora di leggere di più su di lui! 

Sicuramente molto consigliato, soprattutto se vi piacciono i poteri magici particolari! 

Vi ispira? Fatemi sapere qui sotto! 

 

Recensione del libro '' Perharps Love '' Bluebird


Titolo: Perharps love 
Autore: Bluebird 
Costo ebook: 2,99
Costo cartaceo: 10,00
Lunghezza delle pagine: 369
Data di pubblicazione: 27 Dicembre 2020

Trama:


Bee Anderson non si aspetta niente dalla vita. A ventidue anni è indurita dal tempo e dal poco amore ricevuto dalla madre.
Ha solo i suoi amici James e Anne su cui poter contare: gli unici che possa chiamare famiglia.
Liverpool le sta stretta e come ogni prigioniero che si abitua alla sua condizione, Bee non vede alcun futuro se non quello di trascinarsi in modo ripetitivo, giorno dopo giorno.

A Lee HyunMin la vita ha regalato un talento immenso, portandolo a diventare il leader degli SG5: la più famosa band di kpop. L’impegno e il dolore lo hanno fortificato, ma essere un idol comporta rinunce. La sua intera esistenza è sotto i riflettori, senza mai poter lasciarsi andare.
Senza aver mai vissuto come un comune ragazzo di ventisette anni.

Un incontro casuale.
Una notte che sembra un sogno e loro soltanto due giovani ragazzi.
Come tutti i bei sogni anche quella notte finirà, ma il destino li farà incontrare ancora, otto mesi dopo a Seoul, in Corea. C’è un disegno invisibile, una forza che li ha spinti a cercarsi tra miliardi di persone. Un sentimento capace di spazzare via incertezze e ostacoli.
Delicato e fragile come le ali di una farfalla.
Potente e tumultuoso come uragano.
Oltre i riflettori, oltre la paura di perdersi, oltre le parole non dette.

È proprio quando tutto sembra perfetto, che la vita pone di nuovo Bee davanti ad una scelta: l’unica che non avrebbe mai voluto fare. Perché l’amore per Hyun-Min è più forte di qualsiasi cosa e la felicità del ragazzo che ama, più importante di tutto.

Dalla fredda e nebbiosa Inghilterra fino alla moderna e colorata Corea, una storia al ritmo del kpop, un viaggio alla ricerca di se stessi.

Per spogliarsi delle proprie maschere.
Per imparare a sorridere.
Per imparare ad amare.


Recensione:



Per tutti gli amanti del kpop in ascolto, oggi vi porto la recensione di "Perharps love". 
Si tratta di un romanzo rosa, ispirato a vari personaggi del kpop.
Ultimamente mi chiedete di leggere e recensire per voi determinati titoli e questo è stato un vostro consiglio. 
Ho finalmente deciso di leggerlo e quindi eccomi qui! 

Cercherò di essere sincera e trasparente attraverso questa recensione. 

Protagonista della storia è Bee Anderson, vive a Liverpool ed è una ragazza che vive una vita monotona, noiosa e senz'alcuna emozione. Non ha una famiglia che le voglia bene e che la sostenga, le uniche due persone che l'aiutano ad andare avanti sono i suoi due migliori amici, James e Anna. Per lei sono come una famiglia. 

Poi c'è Hyun-Min, un ragazzo che vive dall'altra parte del paese, in Corea.
Fa parte di una boy band coreana.
I due ragazzi si incontreranno a Liverpool in una scena a dir poco divertente: lui si nasconderà all'interno del camioncino della pasticceria dove lavora Bee. Sta per farsi un giro quando l'hotel è pieno di fan e ad un tratto nota questo camioncino e decide di farsi dare un passaggio di nascosto. 
Ma quando se ne accorge, pensa che lui sia un ladro e che voglia farle del male, è così spaventata e non sa cosa fare...  
Lei non sa chi sia lui, non sa se sia un ladro o un personaggio famoso.
Lei sa solo che pare un ladro di ciambelle e che si è nascosto nel suo furgoncino. 

A volte lui vorrebbe scappare dalla sua identità, vorrebbe essere un ragazzo uguale a tutti gli altri, senza essere sotto pressione e avere il fiato sul collo. 

Ammaliata dal suo sguardo, ne resta folgorata. 

Tra i due nasce un feeling e lei decide di fargli da guida turistica.
Passano una bella giornata e, nonostante i loro sguardi, finisce lì. 
Perché lui sparisce senza dire una parola e lei continua con la sua triste vita. 
Fin quando riprende i contatti con una sua amica coreana e decide di partire per cambiare vita. 

Ammetto che avrei preferito leggere di più sulla Corea, avrei preferito descrizioni più dettagliate per entrare all'interno della storia a 360 gradi, invece l'autrice ha preferito descrivere la Corea in linea generale. 

Ed è lì che una sera in un bar lo rincontra e iniziano a frequentarsi, scrivendosi, facendosi videochiamate e parlando del più e del meno. 

All'interno del libro succederanno tantissime cose, colpi di scena e tanti momenti di passione. 

Attraverso le pagine di questo libro si percepisce quanto è difficile essere una star, non poter fare quello che si vuole, studiare e migliorarsi sempre e soprattutto avere un ottimo comportamento per non distruggere l'opinione pubblica. Molte volte diamo per scontato il mondo delle star, ma mettiamoci nei loro panni e cerchiamo di essere più umani. Sono anche loro delle persone. 

Personalmente tra i due personaggi ho preferito Hyun-Min, affascinante, intelligente e molto sexy. Per quanto riguarda lei, l'ho trovata piuttosto snervante e ripetitiva, avrei preferito il personaggio femminile un po' più matura. 
In alcune scene mi è salito il glucosio alle stelle, leggermente (un po' troppo per i miei gusti) smielato.
La scrittura dell'autrice è molto elegante. La narrazione è fluida, infatti ti permette di entrare all'interno della storia fin da subito. Per quanto riguarda l'ambientazione, come vi dicevo prima è molto generica. 

Mi ha ricordato molto quanto ho scritto il mio libro ''Il sogno che diventa realtà'', ispirandomi anch'io a un gruppo musicale (i CNCO). 

Tutto sommato è stata una piacevole lettura, che mi ha staccato dalla realtà. 

Se siete dei sognatori e amate il Kpop allora questo libro fa per voi! 





Vi ispira? Fatemi sapere! A presto, Sofia.💜