lunedì 27 aprile 2020

Recensione del libro '' Antica madre di Valerio Massimo Manfredi ''



Titolo: Antica Madre 
Autore: Valerio Massimo Manfredi 
Costo ebook: 9,90
Costo cartaceo: 19,00
Casa editrice : Mondadori 
Lunghezza delle pagine: 209 
Data di pubblicazione : 19 Novembre 2019

Trama: 
Numidia, 62 d.C. Una carovana avanza nella steppa, scortata da un drappello di soldati agli ordini del centurione di prima linea Furio Voreno. Sui carri, leoni, ghepardi, scimmie appena catturati e destinati a battersi nelle venationes, i rischiosissimi giochi che precedevano i duelli fra gladiatori nelle arene della Roma imperiale. La preda più preziosa e temuta, però, viaggia sull’ultimo convoglio: è una giovane, splendida donna con la pelle color dell’ebano, fiera e selvatica come un leopardo… e altrettanto letale. Voreno ne rimane all’istante affascinato, ma non è il solo. Appena giunta nell’Urbe, le voci che presto si diffondono sulla sua incredibile forza e sulla sua belluina agilità accendono l’interesse e il desiderio dell’imperatore Nerone, uomo vizioso e corrotto al quale nulla può essere negato.

Per sottrarla al suo destino di attrazione del popolo nei combattimenti contro le bestie feroci e toglierla dall’arena, dove prima o poi sarebbe andata incontro alla morte, Voreno ottiene il permesso di portarla con sé come guida nella memorabile impresa che è sul punto di intraprendere: una spedizione ben oltre i limiti del mondo conosciuto, alla ricerca delle sorgenti del Nilo che finora nessuno ha mai trovato. Spedizione voluta dallo stesso imperatore – su suggerimento del suo illustre consigliere, il filosofo Seneca – non solo perché spera di ricavarne grande e imperitura gloria, ma anche perché spera di allargare i confini delle terre conosciute ed estendere così i domini di Roma.

E sarà proprio nel corso di questa incredibile avventura, fra monti e vulcani, piante lussureggianti e animali mai visti, che Varea – cioè “solitaria”, come rivela di chiamarsi la donna – svelerà il proprio insospettabile segreto.

Dosando con la consueta maestria accuratezza storica e capacità affabulatoria, in Antica Madre Valerio Massimo Manfredi ci consegna l’affresco di un’epoca – l’inquieta età neroniana – percorsa da cruciali lacerazioni, e ci regala il vivido ritratto di una donna ribelle, una protagonista indimenticabile destinata a scolpirsi nel cuore di ogni lettore.

Recensione: 
Manfredi è sempre stato il mio scrittore di romanzi storici preferito, lo leggo da quando avevo 12 anni, 
quindi anche questo romanzo mi è piaciuto, ma mi duole ammettere che non è assolutamente al livello di altri da lui scritti. 
È sicuramente una storia originale, con diversi colpi di scena che ti invogliano ad andare avanti,
 ma l'ho trovato molto meno movimento e avventuroso del solito. 
Mi aspettavo qualcosa in più, qualche battaglia seria, invece ci sono solo un paio di scaramucce dove i protagonisti
 non sono mai stati realmente in pericolo. 
Ho trovato molto interessante la protagonista, simile a una pantera, di bellezza e potenza spettacolari, tanto da attirarsi addosso 
gli occhi di tutti. Il protagonista invece, Voreno, l'ho trovato poco credibile e abbastanza privo dello spessore che di solito 
contraddistingue i suoi protagonisti, quindi non sono proprio riuscita ad entrare in empatia con lui. 
L'aspetto di questo libro che mi è piaciuto di più sono le descrizioni dei luoghi e dei paesaggi, davvero mi sembrava di essere 
lì e di vedere con i loro occhi quello che i personaggi vedevano. 
La scrittura è semplice e accurata come sempre, anche se a tratti mi pareva strascicata e rallentata apposta per scrivere qualche 
pagina in più. Nel complesso lo consiglio se volete fare una lettura diversa dal solito e leggere qualcosa di un po' più particolare. 

Voto: 3/5

Nessun commento:

Posta un commento