sabato 17 novembre 2018

1984 - George Orwell - Recensione


Titolo: 1984
Autore: George Orwell
Casa Editrice: Mondadori
Pagine: 321
Genere: Romanzo
Trama:
Il mondo è diviso in tre grandi potenze: Oceania, Eurasia ed Estasia.
Nella prima è ambientata la storia: al potere vi è il Grande Fratello,
una figura misteriosa, che nessuno ha mai visto né conosciuto,
che incute timore grazie al Partito e alla Psicopolizia.
È un mondo in cui regna la paura e l'orrore. Le persone spariscono, non si sa dove vanno a finire.
Libertà, gioia e amore sono praticamente scomparsi, o vivono nell'ombra.
Ma forse qualcosa nella vita del protagonista, O'Brien, sta cambiando.
Forse può riuscire a fregare il sistema ed essere felice. 
Recensione:
Qualche giorno fa, andai in biblioteca e decisi di prendere in prestito 1984.
Avevo sentito diverse opinioni tutte positive,
che però criticavano l’ultima parte del romanzo, dicendo fosse scontata
e “non all’altezza” della parte precedente.
Iniziai a leggerlo. Il libro mi prese subito, dalla prima pagina.
Non posso considerarla una lettura facile,
anzi piuttosto impegnativa.
Eppure, l’impegno messo, ne è valso la pena.
Questo romanzo è definito come distopico per eccellenza,
in cui Orwell immagina una società orrenda crudele, dove le tendenze negative della stessa
sono portate agli estremi.
Il protagonista è Wilson, un uomo che ci appare subito diverso dal resto degli abitanti,
poiché va contro il sistema, rischiando la morte per diversi anni.
È un personaggio al quale però, ci si affeziona: ogni volta che leggo un libro, o guardo un film,
automaticamente mi metto nei panni dei personaggi, e così è stato con lui.
Se fossi stata al suo posto, penso che avrei reagito proprio come lui a quel regime.
“1984” ha catturato la mia attenzione per tutta la lettura, salvo per la parte in cui Winston
leggeva il libro che gli era stato inviato: è stata una  parte un po’ “noiosa” che non mi esaltava
nel continuare a leggerlo, ma appena quel pezzo è finito, la mia attenzione è tornata ad esser
quella di prima.
Come ho detto in precedenza, molte persone mi avevano parlato male del finale,
invece ho amato anche quello: non l’ho considerato banale come mi dicevano,
anzi tutt’altro: più mi avvicinavo alla fine, meno intuivo quale sarebbe stato il finale.
Penso sia un romanzo che almeno tutti debbano leggere una volta nella vita,
lo consiglio vivamente a tutti.
Voto: 5/5
recensione svolta da :

@ungattoeunlibro

seguimi su instagram!

7 commenti:

  1. Se c'è un classico che non riesco mai ad iniziare è proprio questo.. è da anni che cerco di leggerlo ma proprio non mi piace

    RispondiElimina
  2. Voglio troppo leggere questo libro!

    RispondiElimina
  3. ne ho sentito parlare tanto, ma non so se lo leggerei mai

    RispondiElimina
  4. Mia sorella ha letto qualcosa di questo autore e me lo ha consigliato:)

    RispondiElimina
  5. Devo leggerlo! Letto fin troppi anni fa e lo ricordo a malapena, purtroppo ero troppo piccola

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.