martedì 30 ottobre 2018

L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello- Oliver Sacks- Recensione.



Autore: Oliver Sacks
Titolo: L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello
Pagine: 287
Genere:  saggio neurologico
Prezzo ebook: 4.99 , cartaceo 11.00
Prima pubblicazione: 1985
Trama:
 In questo libro sono contenute diverse storie, per la precisione 24 casi clinici di persone che, presentando comportamenti bizzarri, sono stati visitati dall’autore, nonché neurologo, Oliver Sacks, che per ogni caso riesce ad individuare la causa del problema, che è sempre di natura, appunto, neurologica. Presenta alcuni casi: vi capita mai di star camminando per la città, e incontrare qualche persona un po’ “strana”? Con comportamenti anomali? Spesso queste persone vengono derise, invece Sacks ci mette all’erta e ci insegna che costoro possono aver qualche malattia a livello neurologico.. e invece che deriderle è bene aiutarle. Il primo caso che ci presenta lo chiama “L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello”, da cui il libro ha preso il titolo; si può facilmente capire quale sia il comportamento bizzarro del paziente, ma non la causa, se non dopo la lettura del capitolo. 
Recensione: 
Felicissima di aver finito questo libro, finalmente posso scriverne la recensione!  Parto con il presupposto che io amo la psicologia, e mi sto anche laureando in quest’ambito, dunque consiglio vivamente questo libro a chi ha i miei stessi interessi, poiché penso che agli altri possa risultare un po’ noioso. Il libro si presenta con un lessico facile, a tratti però molto specifico, tanto che ho dovuto più volte cercare il significato di alcune parole, poiché non sempre veniva specificato dall’autore. Insomma, ogni tanto vengono date per scontato alcune nozioni, ma in una minima parte che non interferisce sulla lettura. Questo libro fa aprire gli occhi sulle persone che incontriamo tutti i giorni: ci fa capire che esse possono aver qualche malattia grave, che li porta a comportarsi in un determinato modo, senza farlo con cattiveria, ma spesso nemmeno se ne accorgono. Personalmente, l’ho trovato molto interessante e curioso, anche se verso la fine, lo ammetto, ho salutato alcune parti, dove l’autore presentava le cause di alcuni comportamenti, poiché le ho considerate un pò ripetitive … Nonostante quest’ultimo aspetto, libro consigliatissimo per chi è interessato a capire come funzioni la mente umana! 

Voto:4/5

Presentazione:
 Ciao a tutti! Mi chiamo Marica, ho 20 anni e vivo a Milano. Amo leggere, ho la sensazione di star in un mondo parallelo quando lo faccio, di vivere altre vite… sono una persona che ha una mente “multitasking” come si dice al giorno d’oggi, cioè devo sempre far mille cose, anche contemporaneamente, altrimenti la mia mente inizia ad annoiarsi! L’unica cura che ho trovato è stata la lettura, poiché mi obbliga a immaginare e non mi fa annoiare mai… da quando l’ho scoperta non l’ho più abbandonata. Amo leggere qualsiasi genere di libro: sono partita dall’amore per i thriller fino ad arrivare ai romanzi rosa, ed ora spazio un po’ ovunque.  Ho aperto una pagina Instagram, dove inserisco un po’ di tutto: curiostià, ultime pubblicazioni, scrivo recensioni e collaboro con autori emergenti. Se vi va di farci un salto, si chiama @un_gatto_e_un_libro  .  Perché questo nome? Ho iniziato ad amar la lettura dopo aver comprato il mio gatto, quindi ho deciso di prendere queste due ultime cose, che sono quelle che amo di più, e dedicare  a entrambe una pagina. Se vi va di visitarla, ne sarei contenta!

9 commenti:

  1. Ne ho sentito parlare non sembra male.

    RispondiElimina
  2. L'ho letto quest'anno per psicologia ed é stato illuminante a dir poco.

    RispondiElimina
  3. L'ho aggiunto alla lista perché penso sia davvero bellissimo, complimenti per la recensione.

    RispondiElimina
  4. Mi piace la psicologia e questo libro mi ispira da un sacco di tempo!

    RispondiElimina
  5. Ne ho sentito parlare e sembra un titolo interessante, ho fatto un po’ di psicologia alle superiori e mi piacerebbe riaffrontarli in un romanzo☺️

    RispondiElimina
  6. Non lo avevo mai visto ma sembra carino

    RispondiElimina
  7. Non credo che leggerò mai un Adelphi, non credo di esserne all'altezza

    RispondiElimina