venerdì 28 settembre 2018

Licia Troisi - Pandora ... Recensiione


Titolo: Pandora
Autore: Lucia Troisi

Trama : 

Pam ama la musica metal e il suo look estremo non la fa mai passare inosservata. Eppure lei si sente invisibile. Perché nessuno la vede davvero, oltre gli occhi bistrati di nero e i vestiti dark. Nessuno tranne Sam, che vive in un palazzone alla periferia di Roma e, come lei, è un escluso. I due ragazzi non si conoscono, ma i loro destini collidono la notte di Halloween, quando un antico rito si compie: durante una seduta spiritica, Pam apre un misterioso scrigno proveniente dall’antico Egitto da cui si sprigionano gli Angeli della Morte, sei demoni che si impossessano di corpi umani seminando terrore nel mondo. Nulla sarà più come prima: Sam acquisirà il terribile potere di uccidere con il tocco delle mani, mentre Pam diventerà davvero invisibile. Solo con l’aiuto del nuovo amico potrà ritrovare gli Angeli della Morte che ha liberato: perché il suo nome è Pandora, l’Apriporta.

Recensione:
 Due ragazzi nella Roma moderna devono salvare il mondo dagli Angeli della Morte, che, usciti dalla loro prigione, seminano il terrore. Ho amato moltissimo questo libro, nonostante sia una storia soprattutto per adolescenti, non ho potuto fare a meno di simpatizzare fin da subito con Pam, la protagonista. Lei che è sempre stata ignorata e presa in giro da tutti, si mette in gioco per salvare il mondo. E' una persona con cui è facile identificarsi, sincera, triste e leale. Aiutata dal nuovo amico Sam, dovrà catturare tutti gli Angeli liberati e rinchiuderli di nuovo nello scrigno. Non saranno però da soli in questa avventura e anche gli altri personaggi sono degni dell'affetto del lettore. Anche se alcuni di loro sono decisamente strani! Ma chi può rifiutare un aiuto se deve salvarci tutti dal male? E gli Angeli invece come sono? Una sola parola: terrificanti! 

Scrittura: 

la storia è raccontata in modo molto semplice e in alcuni momenti risulta un po' prevedibile, però si fa perdonare con alcuni colpi di scena non trascurabili. 

Voto: 4/5







2 commenti:

  1. Mi ispira tantissimo, anche se non ne ho mai sentito parlare ��

    RispondiElimina
  2. Io non so perché, ma credo che la troppa "esaltazione" mi spinge lontano dagli autori, o sono molto prevenuta nei confronti di quelli italiani. Sono anni che mi ripeto che dovrei leggere qualcosa della Troisi, ma ogni volta procrastino. Non credo che leggerei questo, come gli altri.

    RispondiElimina