giovedì 11 ottobre 2018

Wilbur Smith recensione !


Titolo: Leopard Rock
Autore: Wilbur Smith 
Lunghezza pagine: 403  
Costo ebook:8,99
Costo cartaceo: 18,70

Trama:


 Wilbur Smith racconta con onestà e grande maestria gli
episodi più intimi della sua vita, che sono stati anche di ispirazione per le sue storie.
Leopard Rock, dal nome della sua tenuta in Sudafrica, è la testimonianza di uno scrittore dalla vita ricca, avventurosa e appassionante tanto quanto i suoi romanzi.

Recensione:
 Inizialmente non ero sicura di voler leggere questo libro. Non fraintendetemi, io amo Wilbur e ho letto parecchi dei suoi libri, ma mi chiedevo se una biografia potesse essere all'altezza dei romanzi d'avventura usciti dalla sua penna. Quello che mi ha attirata alla fine è stata la curiosità. Nel corso degli anni ho letto tantissimi libri, ormai ho superato la quota 1400, e mi sono resa conto che quasi nessuno di essi era ambientato in Africa, se si esclude l'area egiziana di cui sono innamorata. Ma l'Africa non è solo Egitto. E io di Africa alla fine che cosa so? Solo quello che racconta Wilbur! E allora perché non scoprirla meglio attraverso i suoi occhi, visto che ci è nato e cresciuto? Così ho scoperto i colori e i suoni del bush, il calore del deserto, la bellezza delle barriere coralline, la pericolosità del leone, la magnificenza dell'elefante. Ma Wilbur è un uomo dai tanti interessi e hobby, quindi ho sciato con lui in Svizzera, ho pescato con lui i salmoni in Alaska, abbiamo passeggiato nello Yosemite Park, abbiamo cacciato le antilopi intorno a casa sua e abbiamo vissuto tante altre avventure assieme! Se non avessi comprato questo libro non avrei mai saputo cosa lo ha spinto a scrivere e cosa lo ha portato al successo. Perché lui è uno scrittore e non poteva certo non parlare dei suoi romanzi nella sua biografia! Non mancano aneddoti divertenti o tristi o paurosi legati al suo successo. Ma come fare a diventare scrittori amati e apprezzati come lui? Eh si, se lo lascerà sfuggire, quindi leggete con attenzione! Leopard rock alla fine non è un romanzo, è un consiglio per i giovani scrittori: scrivi solo delle cose che conosci bene.


Estratto:

 Il rifiuto è una delle esperienze più sgradevoli della vita. È come essere rapinato in una notte buia e venire lasciato lì pesto e contuso, incapace di contrattaccare. Si è soli, costretti a sopportare il peso della sconfitta totale. Il mio consiglio è di trasformare il tutto in uno sprone, rimettersi in piedi e farsi un po' di muscoli, rafforzare baldanza, determinazione, ambizione: fallire meglio, insomma.

Estratto 2:
 La verità è che esiste un unico primo passo per diventare scrittore: devi desiderarlo più di qualsiasi altra cosa al mondo. Se la tua dedizione non è totale ti arrenderai, perché raccontare storie è un'attività lunga e solitaria, e soltanto chi desidera arrampicarsi su quella scogliera da solo ci riuscirà.

Scrittura:
 Essendo una biografia e non un romanzo, non ci sono dialoghi, ma tantissime descrizioni, quindi se non ne siete amanti, lasciate stare. Ma se le amate non potete farvele scappare! Nessuno come lui saprà farvi vivere paesi ed epoche diversi! Sentirete attraverso le sue parole suoni, profumi, umori e sensazioni davvero vividi!

Voto 5/5

10 commenti:

  1. Non è un libro che per adesso leggerei magari in futuro chissà ...

    RispondiElimina
  2. Mi sembra un buon libro sopratutto interessante.

    RispondiElimina
  3. Non ho mai letto biografie, ma da come hai scritto questa sembra davvero promettente :)

    RispondiElimina
  4. Non amo particolarmente le biografie...

    RispondiElimina
  5. Mia mamma ha letto molti romanzi dell'autore forse in un futuro li prenderò in considerazione:)

    RispondiElimina
  6. Mmh non so, mi piacciono le biografie ma non so se leggerei questa

    RispondiElimina
  7. Hai scritto una bellissima recensione, rendendo il libro stesso più appetibile!

    RispondiElimina